Piccole scene di lavoro invisibile dal «Teatro dell’oppresso»

Pauline Mancini / Italia